In Verità

In Verità

lunedì 16 dicembre 2013

TROPPI PICCIONI PER UNA “FAVA”.


Ieri Renzi ha lanciato la sua proposta a Grillo che in sintesi suona più o meno così: Caro smadonnatore, il mio partito rinuncia ai suoi finanziamenti per il 2014 se ti “concedi” per questa serie di riforme: la legge elettorale, la trasformazione del senato in camera delle regioni e l’abolizione delle province (il giovanotto ha precoci problemi di memoria, ha dimenticato di esser stato per anni presidente della provincia di Firenze). Ma non pago Matteo alza la posta sul tavolo, si è voluto proprio svenare: alla già vantaggiosa offerta aggiunge un patto alla tedesca (il marchio teutonico è da sempre sinonimo di qualità) per le unioni civili, lo “ius soli”, il lavoro e la scuola. Se Grillo se la tira ancora un po’ il segretario è disposto a rovinarsi! Se non gli arrivano telefonate al numero in sovraimpressione aggiungerà un regalo a scelta tra uno smartphone, un tablet dual sim e una batteria di pentole acciaio inox per una cottura sana e “risparmiosa”.
Renzi nella sua televendita si è detto quindi disposto a rinunciare a 40 milioni di euro che ancora non ha - e che non dovrebbe mai avere - senza rinunciare a quelli già riscossi.  E’ proprio vero che tutti siamo signori col grano degli altri (giusto per la cronaca, gli altri saremmo noi). Ma è giusto così; si sa che i soldi non hanno colore politico! Ci facciamo stordire durante le campagne elettorali per scegliere questa o quella sanguisuga ma il gettone dopo l’1 % lo prendono tutti. Il finanziamento ai partiti (anche se abrogato da vent’anni) è sempre un salutare e benvenuto evergreen: è pulito, trasversale, neutrale ed incolore; a pensarci bene è una delle poche cose democraticamente ben distribuite in questo paese!
Ma Renzi va oltre tutto questo, lui guarda in alto e fa diventare qualcosa che detiene illegalmente merce di scambio. Con la sua “ultima offerta” chiede a Grillo di sotterrare il “Casaleggio di guerra” per fumare un bel “Pannella” di pace insieme!
Il Grillo bipolare non tarda a rispondere sterilmente - in perfetto stile “Bersani streaming” - e stamani rimanda l’offerta al mittente dal suo blog! Il semplice portavoce è invaso da troppo livore, quando sente queste cose il sangue comincia a pompare a mille ovunque e ci esce molestamente fuori di cotenna!
Cosa sarebbe costato accettare già solo per mettere in difficoltà il neo segretario della Dc? Renzi ha giocato una mano sospetta e lo smadonnatore non ha voluto vedere se bluffava! Ci sono ottime probabilità che l’omino di paglia si aspettasse un rifiuto e per questo è andato sul sicuro quando si è giocato il piatto dei rimborsi.
Immaginiamo ora cosa accadrebbe nel secolarizzato e strafinanziato Pd se Grillo accettasse la provocazione del televenditore. Di certo nella sede del partito assisteremmo ad una festa faraonica: posseduti dal giubilo tutti i piddini si metterebbero in fila per imbastire un trenino umano a 101 vagoni con D’Alema come “indiscussa” locomotiva, farebbero scorrere fiumi di spumante nazionale sulle forme sinuose della sensuale coppia Bindi-Finocchiaro (chi resisterebbe?), Veltroni prenderebbe appunti per un nuovo libro sul New Deal della Juventus e Franceschini si taglierebbe la barba perché finalmente non ha più bisogno di mimetizzarsi da nostalgico comunista. Solo Fassino resterebbe identico…  non ha colpe se la sua espressione è perennemente impostata in modalità “Quaresima!” Andrebbe certamente così…, è troppo facile prevederlo, perché è proprio quello che tutti noi faremmo se perdessimo 40 milioni di euro di botto! 
Grillo, dunque, ha preferito ancora una volta “non far niente”. Da pessimo giocatore non azzarda e, per quanto sbraiti, resta un paradossale, quanto efficace, strumento di garanzia dello status quo. Resta lì, nel suo virtuale angolino stilita,  invasato dalla sua nevrotica immobilità, a far più morti in casa che rivoluzioni in piazza. Urla, denuncia, alza barricate di parole senza ottenere mai nulla, se non copiose e fallimentari defezioni interne. Se Renzi è il vecchio liftato che avanza, Grillo è il nuovo che non è mai nato. Grillo è l’inutile molesto! “Il semplice portavoce” ha rafforzato ancora una volta ciò che dice di osteggiare: rifiutando quella proposta ha permesso a Renzi di macinar consensi alle sue spalle, ora il segretario del pd potrà accusarlo apertamente di non aver accettato un patto per il bene paese scaricando su di lui tutte le responsabilità. Con una sola mossa Renzi non solo si tiene i rimborsi ma veste anche i panni del pacificatore nazionale! Non poteva andargli meglio! Grazie Beppe, se non ci fossi la politica italiana dovrebbe inventarti … !