In Verità

In Verità

venerdì 6 settembre 2013

L’ABUSIVO VINCENZO. VETUSTI BERLUSCONI CRESCONO!


L’abusivismo è un costume radicato e difficile da estirpare. Nonostante gli sforzi e i passi avanti degli ultimi anni questo malcostume ha raggiunto vette inimmaginabili arrivando ad intaccare e proliferare “financo” nelle istituzioni. 
Sino ad oggi  abbiamo sentito parlare di varie tipologie di abusi ma mai di un “Viceministro Abusivo”! Ebbene da oggi esiste anche questa peculiare ed ectoplasmatica figura istituzionale che risponde al nome di Vincenzo De Luca! Nominato ma non “effettivamente” confermato viceministro per le infrastrutture.

Da mesi Vincenzo De Luca si barcamena tra la sua carica di Sindaco a Salerno e il ministero delle infrastrutture in palese “incompatibilità”. Più volte è stato redarguito per l’imbarazzante situazione e un po’ tutti lo hanno “invitato” a prendere una decisione in merito, compresi i suoi compagni di partito; ma puntualmente lo “sceriffo” di Salerno fa orecchie da mercante e continua “indefesso” a ravanare tra la botte piena e la moglie ubriaca.
Il comune di Salerno ci ha provato a mettere un punto sul caso seguendo tutto l’iter per gestire la situazione. E’ stato indetto in data 3 maggio un primo consiglio comunale per esporre a approfondire il caso di incompatibilità. E’ stata dunque creata una commissione “ad hoc” – a spese dei salernitani ovvio – con il compito di “studiare la palese conflittualità del doppio incarico”. In una seconda riunione dell’ 8 luglio – ne sono previste tre –  è stata presentata la contestazione  da parte del sindaco. Ma la data del miracolo compiuto dal “Beato Sceriffo” è il 2 settembre. Qui De Luca ha fatto un capolavoro! Neanche Lex Luthor sarebbe stato in grado di architettare una soluzione così geniale. Infatti, L’ubiquo Vincenzo ha presentato una lettera nella quale dichiara che non esiste incompatibilità tra la carica di Sindaco a Salerno e quella di Viceministro, perché è tale ABUSIVAMENTE! De Luca è stato sì indicato come Viceministro da Letta ma non avendo ancora ricevuto le Deleghe dal Ministro Lupi la sua carica non è stata “formalizzata, dunque è da ritenersi solo nominale e non effettiva. De Luca è da considerarsi più un “semplice sottosegretario” e non un viceministro. Per questi motivi – secondo lui – non esiste alcun conflitto e può continuare a ricoprire il doppio incarico. Questa fantasiosissima e furbissima motivazione portata in consiglio dal sindaco di Salerno ha riscosso un tale successo che è stata appoggiata e approvata persino dall’opposizione: 23 voti favorevoli -tra cui quello dell’ex candidato sindaco Pdl Anna Ferrazzano – e soli 6 voti contrari! Un vero e proprio plebiscito!  
Ma ogni piano – anche il più astuto e diabolico – ha sempre una  falla. E la falla di De Luca è bella grossa. Forse sia il Sindaco che il Consiglio comunale di Salerno “fingono di ignorare” che anche il sottosegretariato è una carica istituzionale e come tale cozza rovinosamente con quella da sindaco. Dunque nulla di fatto. L’incompatibilità resta.
Ma basta fare finta di niente ancora per un po’ perché De Luca deve capire se il governo regge o no! Se Letta resiste e le cose si stabilizzano allora Vincenzo può mollare “la presa Salerno”, se – au contraire - il governo dovesse cadere sotto i bombardamenti del Pdl… almeno la poltrona da Sindaco gli rimane.       

C’è anche da dire che tra un po’ la Regione Campania  si troverà senza Presidenza, con la probabile partenza di Caldoro per Bruxelles dopo le europee, e il nostro “ubiquo” De Luca sta pensando seriamente di candidarsi a Governatore. Accidenti le apparizioni iniziano a moltiplicarsi! E’ d’uopo – quindi - riepilogare. Curriculum “contemporaneo” di Vincenzo de Luca: Sindaco di Salerno ab libitum, viceministro abusivo in contumacia per le infrastrutture e aspirante Governatore della Campania… . Niente più? E questo è tutto? Pensavo peggio! Ma per sicurezza preghiamo affinché il Soglio Pontificio regga!