In Verità

In Verità

martedì 19 marzo 2013

IL GIORNALISMO ORDISCE CONTRO I GRILLINI.




Dal suo blog Grillo tuona contro il giornalismo italiano  dichiarando con raffinata eleganza che “c’è un’opera di sputtanamento” nei confronti del suo movimento. Stamani Telespalla Casaleggio risponde a Scalfari che lo ha definito “un autistico” simil tecno-newage attaccato ai videogiochi del cellulare. La ciliegina sulla torta oggi quando è stata indetta dai parlamentari 5 stelle “la conferenza stampa” per presentare i candidati vicepresidenti e questori per le Camera e il Senato. La portavoce Lombardi è entrata, ha presentato i candidati ed è andata via senza rispondere alle domande dei giornalisti… i quali si sono indignati gridando all’indecenza e allo scandalo – e ancora tuonano dai social network! La cosa era facilmente risolvibile: bastava chiamarla dichiarazione e non conferenza stampa… e avremmo avuto meno caciara nel cortile del condominio.
Caro Scalfari, Casaleggio è tutto tranne un autistico, e da un grande giornalista questa satira di bassa lega non me la sarei mai aspettata (è più da tipi come me).
Ricordi Eugenio che acqua cheta…, e soprattutto il soggetto non mi preoccupa per quel che non riesce ad esprimere, bensì per quel che può arrivare a pensare e al credito apocalittico che può acquistare in una massa di gente innervosita da una situazione economica disastrata e da un immotivato snobismo intellettuale che ancora abita un certo pensiero e da una stampa che credono ancora di avere tutte le verità in tasca (quello stesso pensiero e quella stessa stampa che hanno permesso lo scempio di questi ultimi vent’anni, casomai lamentandosi…ma nulla di più) .
Ora veniamo alle accuse di complotto mediatico denunciate da Grillo nel suo blog. Non sono un complottista …  perchè è difficile essere complottisti in Italia dove non si riesce neanche ad organizzare una pizza tra amici – qui i complotti li fanno solo le organizzazioni criminali – ma una teoria ce l’ho, ed è forse plausibile.
Caro Grillo i giornalisti sono più preoccupati dei politici e se ci pensa bene lei sa anche il perché. Se il suo Movimento prende piede e acquista consensi anche il giornalismo italiano sarà attraversato dal timore di perdere i suoi di “privilegi”. Per anni lei non ha solo tuonato contro i politici ma anche nei confronti dell’ordine dei giornalisti e sui fondi statali destinati alle testate giornalistiche. L’ordine dei giornalisti è stata un’invenzione del regime fascista ed è diventata col tempo una vera e propria lobbie: credo l’Italia sia l’unico paese che mantiene in vita questa ulteriore e vetusta “casta” anch’essa ben foraggiata da privilegi, clientelismi e finanziamenti, tra i quali un corposo tesoretto annuale di euro a cinque e sei cifre (Il Manifesto ha rinunciato a questi fondi e conosciamo la sua agonia).
Quindi non “CASALEGGI”  dichiarando che c’è un complotto segreto dall’alto da parte dei media. Resti coi piedi per terra e tragga le sue conclusioni con logica e realismo: basta applicare il Rasoio di Ockham: inutile moltiplicare gli enti quando non è necessario, ovvero tra tutte le spiegazioni quella più semplice è anche quella vera.
Caro Beppe…   il gota del giornalismo e dei media non ordisce – raramente sa scrivere figuriamoci se pensa – al massimo è terrorizzato! O vuole contribuire a creare un clima di terrore alla Orwell? Spero proprio di no, sarebbe triste e patetico per un difensore della democrazia diretta e libera quale lei si dichiara!O no?