In Verità

In Verità

mercoledì 27 marzo 2013

GRAZIE! LI MORTACCI VOSTRI!



Dopo aver sentito Squinzi chiedere aiuto mi sono detto: “Accidenti quella salma è preoccupata davvero, gli ho visto pulsare una vena! Dopo però mi sono chiesto: ma se stiamo combinati così, il governo Monti che ci ha dissanguati a fare? Il tempo di ragionarci due secondi su… e tac, la notizia del processo Meredith, addirittura stanno andando a ripescare Cogne, poi la pubblicità degli sconti auto, poi i prezzi pazzi di paninoteche americane, infine le previsioni del tempo con annessi oroscopi e facevo fatica a tenere il filo.
Per carità non ho nulla contro donnine che urlano se gli arrivano un paio di scarpe o se Banderas ha deciso di darsi alla permacultura sotto acidi mentre convive e conversa con una gallina in un mulino digitale, ma non voglio esser distratto - anche Monti ha governato con la Fornero che per un anno ha fatto il pulcino bagnato ma non ne hanno fatto un format.
Ma come, proprio mentre si decide il futuro politico del paese vanno a ripescare torbide storie del passato? Chissà perché?
Ma io ringrazio tutte le alte sfere per questa babele di sterco: le sono davvero grato senza ironia, senza sarcasmo.
Io sono grato a Bersani che non ha il coraggio, seppur con una maggioranza risicata di azzardare un governo dichiarando che sarà un esecutivo di “buona volontà parlamentare”, e altresì di affermare con onestà che se salta questa occasione la responsabilità cadrà su tutti, nessuno escluso.
Ringrazio Matteo Renzi, un uomo che è democratico così come Hitler era pacifista. Che ha fatto fuoco e fiamme per esautorare D’Alema (illuso il pupetto) e adesso vuole governare con Berlusconi? Renzi perché non affermi come Massimino che Berlusconi è un grande statista così la possessione è completa? Di certo Berlusconi firmerà una nuova legge elettorale e la legge sul conflitto di interessi.   
Ringrazio Mario Monti, questa figura assolutamente inutile, che ha avuto la straordinaria capacità di congelare una nazione senza ottenere niente. Che si è appellato per un anno intero alla responsabilità e al buon senso e adesso ha la scheda bianca nel cervello. C’è coerenza, di un inutile molesto e nefando al governo e di una strafottenza da vecchia volpe democristiana al parlamento – e adesso è anche totalmente ignaro sull’operato del suo ministro degli esteri nei confronti dei due marò, democristiano anche nell’anima.
Ringrazio i giudici che hanno condannato Dell’Utri in appello a sette anni… i quali hanno praticamente dichiarato nella sentenza che il condannato faceva da tramite tra la mafia e “un innocente” che adesso per salvarsi punta – direttamente o indirettamente - al Quirinale, che urla in piazza di essere la parte pulita del Paese.
Ringrazio Crimi che in diretta streaming ha dimostrato che assopito o meno ha la volontà di un’ameba, le capacità di giudizio di un lobotomizzato. Nessuno ha capito, caro capogruppo al Senato radiocomandato da Grillo, che due giorni fa lei non dormiva, ma era in connessione wireless con Casaleggio.
Ringrazio Grillo e la sua capacità di essere parte integrante del sistema, nuova solo per un esasperazione del linguaggio inutile – ma neanche tanto in fondo, molto prima lega celodurista –, per aver dimostrato che con le belle parole e le utopie programmatiche non si va da nessuna parte se vi è un’ottusità di fondo da reazionario della peggior specie. Poteva dettare l’agenda di un governo, ma preferisce mostrare una purezza tutta a spese della nazione. Ringrazio quest’uomo che tiene in scacco ogni opportunità di svolta perché come tutti gli estremisti ha più pregiudizi che intelligenza. Avrebbe avuto almeno l’opportunità di ottenere una vera legge elettorale e una legge sul conflitto di interessi che avrebbero cancellato venti anni di scempio, allora sì che chiudendo una legislatura avrebbe ottenuto il 70% a nuove elezioni. Caro Beppe non solo io ti ringrazio, ma Berlusconi, la cattiva politica, la criminalità organizzata, le lobbies bancarie, l’Europa economica che ci strozzerà ancora meglio… tutto quello che non sopporti ti manderà lettere e cartoline di ringraziamento a casa. Il vero Troll sei tu, neanche i tuoi parlamentari. Non hai saputo cogliere un’occasione storica solo per famelica rabbia, per ingordigia di obiettivi, per l’ottusa e cieca volontà di volerli ottenere tutti e subito, scavalcando il buon senso, la responsabilità di cui sei stato investito … e fai ridere molto meno rispetto agli anni 80’.
Ma io vi ringrazio davvero, perché forse con il vostro comportamento pavido, interessato ed esasperato ci insegnerete a pensare – anche se traumaticamente – che lo stato siamo noi, non voi; non le vostre “comarate” da pettegole che sbraitano dai loro balconi per poi trovarsi la domenica a messa insieme. Ci state dimostrando che c’è qualcosa di peggiore delle “coscienze sporche” e cioè “le coscienze mediocri:” le prime possono darsi una pulita le seconde non hanno speranza.