In Verità

In Verità

martedì 8 gennaio 2013

BAMBINELLO "CIVICO" MONTI





La Lista civica di Monti è stata presentata qualche giorno fa opportunamente incorniciata da un simbolo sobrio ed essenziale che rispecchia lo stile del tecnico “Ex” presidente del consiglio, che tutti si ostinano a chiamare ancora presidente sbagliando – credo - volontariamente.
Monti per circa un mese ha temporeggiato cercando di dar vita ad una tanto mediocre quando superflua suspance – facendo un paragone con della pessima letteratura, immaginiamo un men che discreto romanzo giallo le cui già scarse intenzioni vengono colpite a morte dalla scelta infelice di questo titolo: “Sono stato io, firmato il maggiordomo”, chiunque quantomeno ne eviterebbe la lettura, ma ricordiamo che in questo paese crediamo a tutto, e dobbiamo ammettere che il professore veste egregiamente i panni del cerimoniere. Mentre Monti negava, tentennava surrettiziamente, lasciava trapelare, il suo entourage - composto da ciellini ambiziosi, membri austeri e famelici dell’Opus Dei e nati beati della Comunità di Sant’Egidio - si lambiccava il cervello per dar vita a un simbolo la cui efficacia comunicativa è paragonabile a quella del valore finanziario di un titolo di stato greco.


Ma tutto questo non deve stupire né tanto meno consolare i detrattori del professore. Il progetto Monti è dipanato su una scala temporale più ampia e ben più complessa. Dopo gli interventi del suo governo, la cui scelleratezza è ben mascherata da un pedigree impeccabile e dall’indiscusso appoggio dei poteri finanziari europei, sarebbe stato piuttosto azzardato credere che la “salita” in politica del bocconiano si tramutasse come per incanto in un accorato e felice plebiscito; quindi dobbiamo cercare altrove e con altre metodologie le reali intenzioni e le effettive volontà del movimento Montiano. Certo dell’indifferenza, se non del disprezzo, dell’elettorato il senatore a vita inizia una questua di consensi in ben altri ambienti, forse più potenti ed efficaci. Inizia innanzitutto ad esser più credibile e solido per le realtà industriali e finanziarie del paese: Marchionne, Montezemolo, la Marcegaglia, tutti soggetti notevoli e forse anche poco amati dal perfetto liberismo montiano, in quanto spesso e volentieri hanno attinto dalle casse dello stato per recitare la parte dei grandi capitalisti, ma in questo momento si sono rivelati utili e necessari allo scopo.
In seconda istanza Monti ha avuto - ed ha - gioco facile in campo politico riuscendo a raccattare quelle poche personalità rimaste più o meno intatte sotto le macerie di un ridicolo berlusconismo, che sta solo stridendo fastidiosamente nel patetico tentativo di imitare un inverosimile canto del cigno. L’Italia è simile all’arreso Bartleby di Melville,  anela per accidia da sempre il centro e la lista Monti è lì pronta a ruminare e riproporre politicamente la stantia chimera della moderazione, tanto cara – mi ripeto - ad un elettorato da sempre indifferente e distante, che ama delegare persino le proprie idee e convinzioni, la cui odierna rabbia è destinata a dissolversi in fumo. 


Infine Monti - come un novello Don Sturzo, sotto forma di bancomat - ha cercato ed ottenuto il placet di un Vaticano desideroso di una resurrezione profana nella politica italiana. Le ingerenze vaticane durante il berlusconismo sono state deboli ed inefficaci visto il connubio poco credibile con una classe politica risibile, la cui consistenza era pressoché nulla e vergognosa. Anche qui Monti ha dovuto sforzarsi poco: il Vaticano pur di liberarsi di Berlusconi avrebbe accettato persino i bolscevichi e il professore è cascato a fagiolo, come una benedizione dal cielo insomma.
Questo movimento quindi fa contenti tutti, moderati, capitani d’industria, massoni, chiesa, ex fascisti dalla kippah facile per rimettersi a nuovo, anime pie ed eminenze grigie di movimenti religiosi inquietanti che adesso possono permettersi di allargare la propria ombra anche in pieno mezzogiorno. Sindona, Marcinkus e Cuccia sarebbero stati fieri di tutto questo.