In Verità

In Verità

mercoledì 12 dicembre 2012

SILVIO: OVVERO DEL CAVALLO DI TROIA!




Le parole e i concetti che seguiranno saranno solo frutto della mia mente paranoica e ossessiva; ma se anche Medvedev può fare gare di vodka con E.T. nessuno mi vieta di manifestare questi lati patologici.
Mentre “Sua Viagrità” Silvio Mignon comincia a sparare puttanate, cercando di accattivarsi quella bella fetta di ipocerebrodotati che ancora scorazza libera per lo stivale, Monti appare ad Unomattina come un San Lorenzo appena grigliato – ma non è Giuseppe Toniolo – e con la sua solita e soporifera aria sommessa inizia la sua campagna elettorale: si ricorda di essere nonno e non lesina di ironia all’inglese per raccontare che il suo bel nipotino dagli amichetti a scuola è soprannominato “Spread”! Tutti a ridere… ma come è simpatico Monti, chi l’avrebbe mai detto?
Dal lato “bungabunghesco” di questo ridicolo delirio il cavaliere dichiara che lo Spread è un’invenzione dei tedeschi… ma come? Il nipote di Monti non esiste? Allora i compagnucci di scuola chi prendono per il culo?
Il governo tedesco a questo punto un po’ si inalbera e, tramite ministro degli Esteri Westerwelle, tiene a precisare che non accetterà una campagna elettorale nel nostro paese incentrata su una propaganda antitedesca. Dopo un po’ anche la Cancelliera Merkel,  durante l’incontro con Medvedev, sottolinea la sua simpatia politica per Monti… tanto è vero che il presidente russo - spazientito dal protrarsi del vertice – in un fuori onda chiede a tutti di stringere i tempi perché ha un torneo di tressette con “l’alieno morto” nell’area 51.
 Ma in fondo la Merkel ha ragione, l’idea che possa avere a che fare ancora con uno che l’ha definita “culona inchiavabile” un po’ credo la innervosisca. Lei certo non è Biancaneve - anche se Berlusconi è la sintesi di tutti e sette i nani… anche se con nomi diversi:  “Stonalo”, “Promettilo”, “Corrompilo”, “Votalo”, “Ingrifalo”, “Ciulalo” e  “Inculalo”, - ma Angela è consapevole che solo in Italia può accadere che si possa credere ancora alla favoletta di Sivlio.
Intanto nell’area della destra “moderata” italiana qualcosa si muove alle spalle di Silvio… e stavolta da infermierina è vestito lui: Frattini e ad altri esponenti iniziano a passare dalla parte di Monti perché solo in lui vedono l’alternativa allo sciroccamento berlusconiano: il pacato professor Monti è solo in narcolettica attesa di esser partorito dalla gravidanza a rischio del centro destra… e riposa pacioso pacioso nel rassicurante liquido amniotico sviluppatosi dalla condanna generale di tutta la comunità europea nei confronti delle ridicole “affermazioni” di Berlusconi. In tutto questo - come sempre – Casini è pronto a far solo da levatrice e assicurarsi il suo bel posto al sole per il Monti Bis.
In poche parole: se Monti è servito per un’emergenza economica nulla vieta che si approfitti “ad hoc” questa volta, di un’emergenza politica – le paturnie di Berlusconi, prodotte dagli effetti collaterali dei mix selvaggi di Cialis e Viagra -  per  far pensare a tutti che il Professore possa servire ancora. Ovvio che “coartati” tra due mali si scelga logicamente quello minore e Monti è indubbiamente un male minore rispetto a Silvio - per inciso anche l’improbabile verificarsi della profezia dei Maya sarebbe un male minore nei confronti di “Sua Viagrità ” – anche se nessuno ha calcolato la forte tendenza degli italiani al masochismo, in fondo ce lo siam tenuti per vent’anni… in confronto alle perversioni degli Italioti De Sade era un’educanda.
Comunque in questi giorni sono stato anche distratto: qualcuno ha visto la Sinistra durante la “Sagra delle Ovvietà”?