In Verità

In Verità

sabato 1 dicembre 2012

RENZI .... NON SI FA! E' CACCA PUPPU'!


Renzi è forte!… nella vita reale vuole prendere un caffè con Bersani ma in rete gioca di equivoci. Oggi qualche pro-Renziano (definito fumosamente un comitato non meglio precisato) ha fatto circolare in rete un tazebao propagandistico che ha usato il viso di Crozza e una sua frase – ma nello sfondo imperava un’inquietante immagine velata ed ectoplasmatica del sindaco di Firenze.
La Frase del comico genovese riguardava ovviamente Bersani e recita: “Se vince Bersani ci tiriamo dentro anche Casini, Montezemolo, Fini, Di Pietro, Mastella … Oh ragazzi, sapete che quasi quasi domenica voto Renzi?”
 La trovata di questo sedicente e misterioso comitato a favore di Renzi sarebbe stata che buona se Crozza fosse stato quantomeno informato dell’iniziativa, se avesse dato il suo assenso nel dar volto e voce alla campagna di Renzi: ma questo non è accaduto. I Renziani si sono appropriati di questa battute del comico e l’hanno sparsa in rete.
 Crozza tramite Facebook dichiara la sua estraneità nei confronti del sedizioso puzzle renziano e con la sua ironia biasima questo collage propagandistico che lo ha visto protagonista a sua insaputa.
In amore e in guerra tutto sarà permesso, ma non solo si è toccato il fondo, si è iniziato a scavare, e quando si uniscono amore e guerra nasce il sadismo!
E’ un po’ come se Nixon avesse fatto propaganda con una battuta di Woody Allen, o Berlusconi con una di Benigni – casomai con un fotomontaggio che vede Silvio prendere in braccio il comico.
Ciò che più mi preoccupa è il fatto che Renzi può dare spunti a un cavaliere agguerrito più di lui e con mezzi più potenti: il precedente può stuzzicare il velupendolo di Berlusconi e fare un manifesto animato in 3d con Marx che mangia bambini, o lui che ascende in cielo mentre afferma: “Mi si consenta, vado a casa ma torno immantinente” e Letta che lo segue a ruota, mentre Galliani e Bondi sono in adorazione, e Cicchitto scrive il vangelo secondo Silvio, inspirato da Brunetta sotto forma di angioletto che gli parla nell’orecchio (lo hanno dovuto ingrandire per l’occasione)!
Ci si aspetta di tutto, specie sotto Natale: un manifesto col bambinello in primo piano e sullo sfondo Berlusconi vestito di bianco che dice: Da piccolo ero bellissimo! (Il bue lo fa Ferrara, l’asinello Belpietro perché Sallusti si è reso irreperibile… ma la Santanché se ne guarda bene dal chiamare “Chi l’ha visto” – anzi sta pensando a un nuovo format: CHI L’HA VISTO SE LO TENGA!