In Verità

In Verità

giovedì 15 novembre 2012

TRISTEMENTE MEDIASET!



Le Olgettine iniziano a sentire gli effetti della crisi. Temono per le proprie rendite e danno fondo a tutte le loro diottrie sedate per leggere le notizie finanziarie. Il gruppo Berlusconi per la prima volta è in calo. L’autarchia informativa e editoriale italiana registra perdite. Strano che la cosa coincida col commiato del cavaliere dalla vita politica, se proprio vogliamo vestirci di ingenuità.
Tra il 2011 e 2012 la caduta è stata netta sino a lasciare a mani vuote la proprietà di utili nel rendiconto di quest’anno. Insomma, la cordata Mondadori, Mediaset, Milan non ha prodotto guadagni.  
Alla notizia Vespa ha interrotto la stesura del prossimo libro dedicato alla opere di misericordia del Cavaliere nel convento di Arcore per scrivere una biografia su Montezemolo dichiarando: “ho famiglia!”. Nel contempo Apicella preme per fargli firmare il rogito del suo fienile a Pollena-Trocchia per la modica cifra di duecentomila euro, un vero affare. Fede disperato ha tentato di strapparsi un dente d’oro durante una partita di chemin de fer spacciandolo per un ex voto donatogli dall’unto del signore… col potere di ammutolire istantaneamente la Mussolini e la Santanché – ma nel collaudo ha fallito e l’ex direttore del tg4 ha impegnato un rene di Giovanni Toti a sua insaputa.
Intanto Silvio pensa di tornare al baratto: intende pagare i suoi impiegati con prodotti Mediashopping invenduti; stipendi a scarpiere slim, orologi sveglie cambiacolore e video fitness dell’ottuagenaria – ma soda e tosta – Jill Cooper… e per le tredicesime il libro “Preghiere a Silvio” di Bondi, compreso di convertitore euro-crisi nella quarta di copertina - sotto la foto del Beato Sandro in estasi dopo la discesa in campo del 94’!