In Verità

In Verità

lunedì 19 novembre 2012

IL CONFINE SOTTILE



Il dormiveglia lega il reale al sogno in un fluire indistinto di immagini e sensazioni. Gli occhi diventano cieli stanchi, demoni del meriggio, chimere di carne e stelle.  In quel confine Tiresia era donna e uomo, in vita e nel regno dei morti. La lingua di Babele era il silenzio, solo dopo Dio li condannò alla lingua. In questo discrimine lancinante un postribolo di amanti angeliche vola tra le vetrate di una biblioteca e il vento delle loro ali apre pagine a caso:

“Ma Achille ha reso selvaggio il suo gran cuore nel petto; crudele! Non gli importa dell’amicizia dei suoi, per cui l’onoravano su tutti presso le navi; spietato!”

A nulla servono le parole le preghiere di Aiace… solo il silenzio della tenda, il desiderio della solitudine inoperosa e la sete della rena di una spiaggia straniera. Ancora un battito d’ali:

Quello che alloggia al numero 3”, chiese il capocuoco, “e al quale mando la cena su un vassoio?”
“Proprio lui”, rispose la più giovane e carina delle cameriere, “non ho mai visto un viaggiatore più selvatico, più sgradevole e più sprezzante; non mi ha rivolto né uno sguardo né una parola, eppure penso di valere un complimento, come dicono tutti questi signori!

Quanti Achille selvatici e sprezzanti, crudeli e spietati... e quanti Aiace indispettiti vedo in pagine diverse, in tempi diversi, in penne diverse. Quante cameriere supponenti e stranieri sgradevoli tra le parole di Omero. Atomi di lettere e pensieri, file genetiche ed ereditarie infinite di inchiostri e incisioni, quadri e graffi. Don Chisciotte è Paride, Eros il suo Sancho, Dulcinea è Elena, Afrodite la sua anima. Il dormiveglia mi concede tutto; Andromaca è bruna, madre, amante, donna, angelo … ma mai dea! ha porpora nei capelli, le lacrime di Ettore sul suo seno bianco,reso nudo dalle veste strappata. Ha il sangue dello  sposo sulle gambe e la sabbia che gli graffiò la faccia invadente nei sandali. Tutto in quel confine, tutto in quell’istante infinito che si strappa alla veglia per affondare nel sonno!