In Verità

In Verità

venerdì 2 novembre 2012

2.200.000.000,00 €...ROTTI!!




Durante la “Seconda Repubblica” i partiti hanno speso circa 570 milioni di euro, non poco… ma il bello sono i rimborsi! Per questa cifra i partiti italiani sono stati rimborsati del 400% circa, cioè una cifra che ruota intorno ai due miliardi e duecento milioni di euro.
In confronto la Prima Repubblica era una Onlus!
E’ come se io andassi al supermercato e comprassi uno shampoo… e la cassiera mi da in omaggio tutto lo scaffale! Creare partiti è un affare! E’ il paradiso delle pezze d’appoggio! Ed è mai possibile che con tutti questi soldi il Trota non s’è fatto levare quella noce vuota in testa per sostituirla con un cervello vero – anche quello di una scimmia urlatrice sarebbe stato un passo in avanti -, che Di Pietro non è riuscito a pagarsi un corso di dizione? E Scajola? Lo smemorato della cricca si sarebbe potuto permettere qualche camionata di fosforo per la memoria… e anche per farsi vedere di notte. E’ proprio vero che chi ha i soldi non sa poi che farsene! Dico, due miliardi e rotti di euro! Esclusi stipendi, agevolazioni, straordinari per esser stato in una commissione parlamentare, casomai sul fisco… una barzelletta in pratica. Ho l’abbonamento gratis per la metro? No, ti spettano un paio di vagoni! Pranzo gratis al ristorante della Camera? No! Non solo… caffè, ammazzacaffé, digestivo brioschi, una ciulatina alla cameriera e gastroscopia inclusa in una clinica svizzera – nella quale nel frattempo ti riassestano le tette e le chiappe alla moglie e all’amichetta – per la prima però vai al risparmio -, ti producono un clone – così per sicurezza -, ti allungano e ti tirano fino a somigliare a “IT