In Verità

In Verità

lunedì 29 ottobre 2012

Un tranquillo week-end di paura!


Un fine settimana delizioso è appena trascorso! Allietato da scosse telluriche, tempo pessimo e cronaca nera che la fa da padrona in tutti i rotocalchi pomeridiani, da censurare e cancellare dai palinsesti se il cattivo gusto fosse un reato. Ma è stato il nostro cavaliere ad aver messo le ciliegine sulla torta. Cavalcando a pelo nell’immensa prateria delle puttanate! Prima si propone in un video messaggio nel quale non solo annuncia il suo ritiro - e ciò dimostra che un Dio esiste… casomai teatrale e con velleità da deus ex machina ma esiste-, e dove ha la sontuosa faccia di bronzo – ma sulla faccia avremo occasione di ritornarci – di affermare di aver arginato il paese dal pericolo comunista e di aver garantito democrazia e libertà. Ce ne vuole di coraggio e di pelo sullo stomaco per poter solo pensare tutto questo ma  dichiararlo mettendoci la faccia è sconcertante. Ma come poteva Silvio non far vedere i risultati del suo ultimo lavoretto estetico? Ha gli stessi occhi di Fede! separati dalla nascita ma riuniti dal lifting.  Ma non pago Berlusconi passa all’attacco scagliando l'ennesimo anatema contro la magistratura dopo la condanna a quattro anni per il processo Mediaset, ma non si ferma lì… ad un certo punto va a braccio e sfora di brutto. Dopo aver definito l’Italia un paese Magistrocratico, attacca Monti, la Culona Merkel e l’Elfo Sarkozy. Ora raccogliamo le idee ad una a una per far ordine;
Magistratocrazia, punto 1) Caro Silvio se fosse davvero una paese comandato da magistrati lei sarebbe in galera da almeno quindici anni! Se l’Italia fosse un paese Magistrocratico non vedremmo politici condannati ma onnipresenti nella vita pubblica, o – come nel suo caso – figure che costruiscono leggi ad personam  per tirare il più possibile sino ad ottenere la prescrizione dei procedimenti giudiziari.
Monti è cattivo, punto 2) Bella scoperta Silvio! Meglio tardi che mai. Secondo l’ex premier, Monti ha rovinato l’economia del paese aumentando le tasse e diminuendo le capacità di spesa degli italiani, portandoci infine in una spirale recessiva insormontabile. E tutto ciò è dovuto ad una dipendenza economica dalla Germania. Ma Caro Berlusconi non è che sino ad un anno fa lei ha governato la Confederazione Elvetica! Qualcosina la doveva sapere pure lei! Ed ha contribuito in maniera decisiva a questo sfacelo, soprattutto mettendo i nostri problemi sotto il tappeto per almeno sedici anni. Oltretutto la sua influenza nefasta ha fatto sì che la nostra classe di rappresentati, già discutibile, divenisse un’accolita trasversale di figure inutili, incapaci di esprimere qualsivoglia programma sociale, economico e politico quantomeno accettabile. Ora al posto suo c’è Giuliano Ferrara, il quale non si limita ad affermare, come lei, che i ristoranti sono pieni, ma che in Italia tutti vanno in giro in Bmw e mangiano caviale; ha alzato la posta la silfide direttrice de “Il Foglio”!
Merkel e Sarkozy ridono di me, punto 3) Sempre in base alle dichiarazioni dell’ultima conferenza stampa, Berlusconi afferma che la sua credibilità internazionale è stata messa alla berlina dai famosi “sorrisini” di Nicolas Sarkozy e Angela Merkel. Beh, la voglio commentare solo per decenza. Caro Cavaliere, se dovessimo elencare tutte le pessime figure che lei ha collezionato in casa e oltralpe non basterebbe un libro! Anche se offesi, noi italiani le risatine ce le siamo tenute, perché... come si dice a Roma: “ a chi tocca nun s’egrugna!” Chi per il mare Berlusconiano naviga per diciannove anni, questi pesci in faccia prende!