In Verità

In Verità

domenica 14 ottobre 2012

Belsito dancing!


Belsito compra le azioni di maggioranza della discoteca del marito di Karima El Mahroug in arte Ruby. Inutile ricordare chi sia Karima; rammentiamo solo che, all’epoca minorenne, è stata la causa della più grande figura di merda che le istituzioni di questo paese abbiano mai fatto, o meglio, quella nota. Ebbene, dopo aver umiliato le camere e, prima ancora, il governo Berlusconi, questa bella ragazzina marocchina ma per il parlamento italiano e “l’esecutivo papy” magicamente di nonno egiziano – un certo Mubarak-  si è fidanzata con Luca Risso proprietario di una discoteca, forse di più locali, la cosa non è importante, con il quale ha una figlia ed è convolata a nozze. 




Ora il locale di Luca Risso avrà un nuovo azionista di maggioranza che corrisponde al nome di Francesco Belsito, genovese: uno Shrek andato a male – il ché è tutto dire – divenuto tristemente famoso per “futili” vicende giudiziarie. Bisogna ricordare che Belsito è stato tesoriere della Lega Nord e, come se non bastasse, addirittura  Sottosegretario di Stato del Ministero per la Semplificazione Normativa; mica l’ultimo degli orchi? Ma qui ancora fluttuiamo nel gossip pseudo politico, in quella zona melmosa che unisce il torrido alla notizia tanto diffuso in questo paese. Per uscirne devo solo ricordare per quali motivi Belsito è stato indagato. In una azione congiunta delle procure di Napoli, Reggio Calabria e Milano, "Pufflandia" e del "Paese di Molto Molto Lontano", questo “sciupatiello”, come tesoriere del carroccio, è stato accusato di “appropriazione indebita e truffa aggravata nei confronti dello Stato”. Insomma, si ritiene che abbia trasferito fondi pubblici destinati come rimborsi al partito in paesi  come Cipro, Novergia e Tanzania a nome della famiglia Bossi.  Per questa sciocchezza  “Mister Silfide Belsito” non solo si è dimesso ma è stato causa delle dimissioni dello stesso Umberto Bossi – anch'egli indagato - e del terremoto che ha sconvolto la Lega nella primavera scorsa.  Ora, uno si chiede, credo con una certa sopresa: Caro Belsito, ma lei – con tutti i casini giudiziari che ha –, le possibilità giuridiche ed economiche che le permettono di fare anche l’imprenditore chi gliele offre?