In Verità

In Verità

domenica 30 settembre 2012

PIETA'


Il terrore avanza, un terrore ridicolo, tanto frustrante quanto risibile ; un terrore tipicamente italico. Montezemolo appoggia Monti! La cosa era prevedibile, italicamente comprensibile! In qualsiasi altro paese sarebbe un po’ come  mettere un bidet all’uscio di casa – una cosa comoda per l’igiene dei visitatori ma un tantinello poco edificante. Monti, quest’uomo che ha la mimica di una lapide, una percezione della realtà sociale quantificabile solo con un registratore di cassa con imposta del valore aggiunto compresa, aveva garantito un periodo di governo breve ed efficace, escludendo tassativamente un Monti Bis;  adesso si sente chiamato a guidare ancora il paese – chiamato da chi poi è un mistero, credo che anche il padreterno abbia sospeso le linee vocazionali per evitare che si permettesse una puttanata del genere. Un po’ come la saga di Herry Potter! In effetti la somiglianza tra l’economista massone e l’oramai ottuagenario “giovane” maghetto ripetente è inquietante.  Insomma, il sepolcro imbiancato vivente dimostra di avere il deretano attaccato alla sedia col Bostik come tutti. Epica fu la vicenda dell’ex governatore della Banca D’Italia Fazio, al quale fu regalata la poltrona insieme ad una lauta liquidazione, senza parlare dei nostri parlamentari, che hanno cavalcato il millennio come i cavalieri dell’apocalisse. Ed infine il comico per eccellenza! Colui che tutti noi cerchiamo di imitare inutilmente! Colui che riusciva ad essere allo stesso tempo imprenditore, casalinga, operaio, pompiere, terremotato, cantante, madre coraggio, panettiere, pasticcere, fratello dei poveri, unto dal Signore, salvatore della patria, “patria”, Superman, Batman e Robin, Homer Simpson (prima del trapianto) e Spongebob (senza rialzi). In qualsiasi altro paese qualunque ebete istituzionale abitato di fugaci lampi di lucidità – lampi che tutti hanno e che puntualmente terrorizzati ignorano - si sarebbe svegliato di botto dagli scranni del parlamento – dopo essersi trastullato sui siti porno col tablet marchiato camera dei deputati - e avrebbe esclamato: “Cazzo giovani (si fa per dire)! Forse stiamo esagerando!” E invece no! Non solo mitragliano a sangue quel minimo di coscienza che li attraversa per sbaglio… ma cercano appoggi esterni! Facciamo un resoconto dei soggetti che “per amore del paese” sostengono Monti, questo monumento alla vitalità, questo orbo che corre a fari spenti in un tunnel di cui vede solo lui l’uscita: La Bce, la Merkel, Bersani, Alfano (il primo caso di pupazzo per ventriloqui segretario di partito)  Casini, Marchionne, il quale proporrà lo stemma della Fiat sulla bandiera (altrimenti venderà l’idea al Brasile) e Montezemolo… che presenterà un disegno di legge che migrerà il ministero dei Trasporti su Italo e il dicastero del Tesoro a Portofino. Chi manca? Facendo due conti e vedendo i curricula dei sostenitori posso prevedere che a breve si affiancheranno Lex Luthor, Jocker, Dracula, Gamba di legno, la banda bassotti, Riina e Nicole Minetti (la figa fa sempre odiens).