In Verità

In Verità

mercoledì 28 settembre 2016

L'evergreen demagogico-mafioso del Ponte sullo Stretto

©Pietro Vanessi www.unavignettadipv.it

In fondo è così, il ponte sullo stretto di Messina è una chimera. Lo è sempre stata dai tempi dei Borboni, passando per il fascismo, il boom degli anni 60 fino ai deliri di Silvio. Noi non ce ne accorgiamo ma il ponte già esiste; non è lì, non è mai stato realizzato (e mai si farà) ma è nel nostro immaginario come una mastodontica minaccia spacciata per “grande opera”, una ctonia promessa onnipresente, una costruzione fantastica che alimenta a intervalli regolari la perversa immaginazione demagogica dell’incapace al governo di turno.
Il ponte sullo stretto non è diverso da bestie mitologiche di cui si tenta di accertare l’esistenza: gli alieni, il Bigfoot, il Chupacapra, Brunetta sveglio in aula, Razzi che azzecca un congiuntivo e così via. Continua a leggere su Postik