In Verità

In Verità

venerdì 12 agosto 2016

Si scrive norma contro il cyberbullismo ma si legge ammazzaweb

L’Italia non ha ancora una normativa per contrastare il cyberbullismo, ma un disegno di legge a firma della senatrice Pd Elena Ferrara, approvato nel 2015 ma ancora all’esame della Camera, si propone di colmare questo vuoto legislativo.
In origine la proposta di legge aveva come obiettivo sacrosanto  la tutela dei minori in rete, ma la politica – vista la ghiotta opportunità – ne ha approfittato per stravolgerla a tal punto da farla diventare una vera e propria norma repressiva sul web.
Innanzitutto spariscono quasi del tutto i riferimenti alla minore età, e fin qui potrebbe anche andare ancora tutto bene; in fondo il bullo è un emerito idiota, e – come è ben noto a tutti – gli idioti non hanno età, altrimenti Salvini come avrebbe potuto far carriera?