In Verità

In Verità

martedì 20 novembre 2012

GIUSEPPE SPINELLI:50 SFUMATURE DI SEQUESTRO.



Il giallo del rapimento Spinelli si infittisce, anzi si colora di sfumature e particolari, incredibili, sempre più confuse! Dopo voci su un pagamento di 8 milioni di euro è lo stesso Ragioniere a dichiarare che neanche un euro è stato sborsato per la sua liberazione!  
Tra qualche giorno si parlerà di alieni, di Chupacapra e il caso andrà su Voyager: perché sotto il materasso di Spinelli forse si nasconde il santo graal! 
La notte del rapimento casa Spinelli sembra l’area 51… aveva avuto già avvisaglie strane i giorni precedenti: luci incandescenti in cielo, cerchi  impressi nel vaso di basilico nel terrazzo. Infatti sia il 30 settembre che il 2 ottobre lo sventurato contabile di casa Berlusconi si era accorto che qualcosa non andava e preoccupato prontamente avvisò le forze dell'ordine. La cosa strana è che proprio quando il sequestro avvenne Spinelli impiegò più di trenta ore a denunciarlo. Difatti, a bocce ferme, ci fu un summit tra Berlusconi, Ghedini e il ragionerie prima di avvertire le autorità: Spinelli era sotto shock mentre Ghedini insisteva per andare in procura e Berlusconi assisteva alla scena impotente – una volta tanto può capitare al Torello dell’Ogliata, no?
Spinelli insisteva per pagare, perché i documenti sul lodo Mondadori avrebbero potuto scagionare il cavaliere e inchiodare De Benedetti. Utile sarebbe stato anche il video con Fini e dei Magistrati che “alla chetichella” tramavano contro l’Unto… una ripresa della bellezza di sette ore – sette ore! Forse erano ad un matrimonio Greco, in coma alcolico da Goumenissa e Rakı, stramazzati a terra e con della feta in bocca! Ma alla fine si è deciso di non pagare… la linea dura è quella giusta!
Spinelli, durante questo incontro preliminare, ha ricordato un particolare, importantissimo: uno dei rapitori – e ci sono stati sei arresti -  aveva delle scarpe da ginnastica rosso nere! A quel punto tutti gli astanti sconvolti si sono girati verso la foto di Galliani… ma dopo circa 30 ore di dubbi gli  hanno escluso questa ipotesi! Silvio,Peppe e Niccolò sanno benissimo che il buon Galliani quando fa il lavoro sporco mette scarpe nerazzurre… e solo allora sono potuti andare sereni e paciosi in Procura!