In Verità

In Verità

mercoledì 31 ottobre 2012

Ninna Nanna!




Le cose stanno iniziando a definirsi, sotto la bandiera del caos… ma qualcosa sta spuntando. Il Pdl dopo aver annunciato le primarie cerca aspiranti premier da macellare… ma niente! Alfano dopo la disfatta siciliana dovrebbe dimettersi – come annunciato - sta solo cercando il libretto delle giustificazioni ma Cicchitto glielo ha nascosto. Berlusconi vedendo la sua creatura sfaldarsi come neve al sole medita pericolosamente di ripresentarsi.
La sola ipotesi allarma tutta la classe politica. Anche il Pd si mobilita per evitare il ritorno di Papi! Bersani disperato chiama  Renzi chiedendogli di fare il salto dall’altra parte: “Dai Matteo, fai il leader della destra: tutti in fondo hanno capito che stai alla sinistra come il culo sta ai deodoranti per l’ambiente”. Intanto il partito invisibile dei rottamati ride sotto i baffi – quelli di D’Alema! Sino ad ora gli iscritti son solo due, anche Vendola è ritornato in gara dopo una liberatoria e celerissima assoluzione! Tanto rumore per nulla! Sarà semplicissimo persino stoccarli… vanno con l’umido! Grillo cavalca il dissenso e medita di conquistare il consiglio regionale del Lazio camminando sulle acque del lago di Nemi! La percentuale di aderenti al voto si inabissa sino a numeri da elezioni statunitensi così ogni singolo voto varrà una fortuna - terreno fertile per mafie e malaffare. Mezza Europa è in fermento e accade di tutto intorno al belpaese ma nessuno se ne accorge. La Spagna è sull’orlo di una rivoluzione sociale e culturale, la Grecia inizia a fumare di brutto, l’Islanda è oramai libera, la Francia fa incazzare le banche e la Germania inizia a spolverare svastiche a passo d’oca… ma la nostra opinione pubblica è sedata dal “Rigor Monti” coadiuvato e incorniciato da qualche culo, qualche tetta e due o tre casi di cronaca nera fermamente “palinsestati” nelle chiappe della nostra indifferenza!