In Verità

In Verità

giovedì 19 maggio 2016

Le Folgoranti conversioni dei comunisti. Da Rifondazione a CL



di Marco Terribili 
Un mese fa il Corriere della Sera riportava un’intervista a Fausto Bertinotti, in cui l’ex leader di Rifondazione Comunista squarciava il velo sul suo avvicinamento al Cattolicesimo ma, soprattutto, sulla sua adesione a Comunione e Liberazione (per i nemici CL).
Forse per un malsano senso di negare l’unicità delle eccezioni, il mio pensiero è andato subito a Giovanni Lindo Ferretti (tu quoque Giovanni Lindo…). Il fondatore dei CCCP – Fedeli alla linea, qualche anno fece ritorno alla “Casa del Padre”, ossia una chiesina di Cerreto Alpi, paese dell’Appennino reggiano da cui Ferretti scende solo per dare sostegno a partiti lontani anni luce dal punk filo-sovietico a cui ci aveva abituati anni fa: l’appoggio alla Lega Nord, le esternazioni contro gli immigrati, i comizi anti-aborto con Giuliano Ferrara (altra persona che ha una relazione alquanto complicata, sia con Dio che con Marx), fino ad arrivare ai selfie con la Meloni e l’immancabile partecipazione all’annuale Meeting CL di Rimini. Continua a leggere su Postik