In Verità

In Verità

lunedì 30 maggio 2016

Il partigiano Ferruccio Manini e il repubblichino Giorgio Albertazzi



di Maria Rosaria Greco 
"Io Albertazzi in camicia nera l'ho visto bene – racconta” Giancarlo Bartolucci, segretario della scuola media IV Novembre di Arezzo, in un'intervista a La Repubblica il 28 luglio 1989 – “nel 1944 avevo tredici anni. La mia famiglia si era rifugiata nella zona di Sestino. Quel giorno ero in paese, insieme a mio zio Umberto che è morto due anni fa. Vidi passare un ragazzo in mezzo a un gruppetto di fascisti. Aveva la camicia aperta, i capelli rasati. Dietro il gruppo c'era il sottotenente Albertazzi in camicia nera e stivali. Mi nascosi mentre entravano nel cimitero, dopo poco uscì don Pasquale Renzi e attraverso il cancello vidi tutta la scena. L'unico che era vestito da ufficiale si mise al comando del plotone d' esecuzione.
Continua a leggere su Postik