In Verità

In Verità

domenica 11 ottobre 2015

ENNESIMA. 50 anni di Arte Italiana alla Triennale di Milano.

Giulio Paolini, Ennesima,1975,Fogli sciolti in una cartelletta di cartoncino

“Tre elementi, dunque: la scrittura, l’immagine, il tempo. Ciascuno di essi, però, si esaurisce nella propria enunciazione nominale e, assieme, non possono chiamarsi costitutivi. La scrittura, dimentica di qualsiasi comunicazione, non conserva che la sua apparenza, non descrive altro che se stessa. Il disegno è il limite estremo della propria legittimità, la definizione della superficie della pagina. Il tempo suggerisce la trama e detta, attraverso la successione dei due elementi che lo rivelano, la misura enigmatica del racconto: sottrae ulteriore veridicità sia alla scrittura che al disegno, regola la loro compenetrazione in un’identità continuamente variabile, moltiplicabile all’infinito, ma immutabile per destino. La prima pagina è già l’ultima, l’ultima è ancora la prima, la sequenza muove da un uguale verso un uguale.[...]". Giulio Paolini, Ennesima.

Dal 26 novembre al 6 marzo prossimi la Triennale di Milano presenta 'Ennesima Una mostra di sette mostre sull'arte italiana', a cura di Vincenzo de Bellis. Non 'una' mostra sull’arte italiana ma, letteralmente, 'una mostra di mostre' che, attraverso sette percorsi, cerca di esplorare gli ultimi cinquant’anni di arte contemporanea in Italia raccogliendo più di centoventi opere di oltre settanta artisti dall’inizio degli anni Sessanta ai giorni nostri, in un allestimento che si estende sull’intero primo piano della Triennale di Milano. Il titolo prende ispirazione da un'opera di Giulio Paolini, 'Ennesima (appunti per la descrizione di sette tele datate 1973)', la cui prima versione è suddivisa in sette tele. Da qui il numero di progetti espositivi in cui si articola la mostra di de Bellis per la Triennale: sette mostre autonome, intese come appunti o suggerimenti, che cercano di esplorare differenti aspetti, collegamenti, coincidenze e discrepanze, nonché la grammatica espositiva della recente vicenda storico-artistica italiana. Continua a Leggere su AdnKronos