In Verità

In Verità

mercoledì 29 luglio 2015

Come rispondono Verdini e D'Anna alle domande scomode? "Comunista Disonesto e un po' Str... "



Così viene trattato un giornalista dell’Huffington Post dalla coppia di Senatori della Repubblica Verdini e D'Anna durante la presentazione del nuovo Gruppo Parlamentare Ala (destinato a sostenere il Governo da destra). Non si possono fare domande scomode, non ci sono abituati. I capofila della nuova Brigata pro-Renzi superano a pieni voti l'esame antidemocratico al grido innervosito di: "Piccolo comunista disonesto e un po' str..." 




"Nel corso della conferenza stampa nella sala Nassiriya del Senato, l’HuffPost aveva rivolto questa domanda: “I vostri nomi e le vostre storie per un pezzo della sinistra, come emerge dalle dichiarazioni di Speranza, sono imbarazzanti perché legate a Berlusconi, Cosentino e Lombardo. Non temete che, voi che dite di sostenere Renzi, in fondo lo danneggiate?”. Si percepisce una certa insofferenza. Con Verdini che, più volte, bolla come fantasie gli articoli del giornale. Anche quella cena tra lo stesso Verdini e Luca Lotti di qualche giorno fa, mai smentita. Dice Verdini: “È vero, eravamo nello stesso ristorante, ma non allo stesso tavolo. Lei scrive fantasie. E le dice anche in tv da Santoro”. Risate generali. Anche l’ex plenipotenziario berlusconiano appare meno spiritoso del solito. Bollando come “fantasie” notizie mai smentite e verificate, secondo la migliore del ventennio berlusconiano, dove tutte le verità scomode venivano derubricate a fantasie create con obiettivi politici, nella costante mancanza di rispetto verso la libertà di stampa.." Fonte  Alessandro De Angelis Huffington Post