In Verità

In Verità

giovedì 18 ottobre 2012

Passerotto non andare via!



La guerra tra i soldatini di piombo D’Alema e Renzi ha il sapore della più stopposa reazione. In fondo è reazionario l’atteggiamento di Renzi e reazionaria la “reazione” di D’Alema. Insomma Renzi non è diverso da un certo Benito che, cavalcando il malcontento nazionale, sfruttò l’empasse di una classe politica congelata e morente. Renzi è un populista! Ma il populismo è sottovalutato, è pericolosamente snobbato dalla classe dirigente. Ed è tutto tranne un fenomeno da prendere sottogamba. Il populismo è sempre attivo, sale in groppa ai malcontenti della maggioranza delle persone semplificando i concetti difficili, rendendoli così fruibili a tutti, e propone soluzioni semplici, sbrigative, facilmente condivisibili e per questi motivi brucia velocemente le tappe del consenso. Neanche Grillo si è sottratto ad una protesta virile, fisica! Colto da megalomania mediatica si è messo in mutande -  un Trudi canuto -   ed ha attraversato lo stretto di Messina a nuoto! Ammettiamolo, non è diverso da quel Mussolini che arava i campi, correva a cavallo e saltava nei cerchi infuocati. Ma non pago Beppe Trudi ha voluto strafare e adesso è stato avvistato lungo le coste delle Canarie e punta il Sudafrica urlando a squarciagola: “Magellano mi fa una sega!” E così anche uno dei movimenti più dirompenti della storia italiana si è trasformato in una ridicola pantomima.Renzi non è da meno, se avesse un esercito di Pupe e Secchioni conquisterebbe il paese a furia di radici quadrate calcolate sulle chiappe di avvenenti decelebrate. E così il sindaco di Firenze invece di imboccare la strada più difficile si accontenta di rottamare! Renzi lavora di populismo e scorciatoie… bara di brutto sputacchiando qua e là con la zeppola. Lungi dal fare il vero riformista e proporsi come rinnovatore attraverso programmi e contenuti … che fa? Promuove una razzia, un’epurazione! un Catone Nerd che cavalca i comizi da bar nei quali spesso sentiamo dire che bisogna incendiare tutta la classe politica, per così unire una bella pulizia generale ad una disinfestazione a fuoco degli scranni del potere.  Se Matteo Quasimodo non ha idee e proposte reali è un problema suo; e se la sua idea pseudototalitaristica dovesse “per assurdo” realizzarsi non farebbe altro che “sostituire” idioti con altri idioti, solo meno vecchi! niente di più… niente di meno!  E veniamo a Massimino… questo progressista che  di sinistra ha solo il lato guida. Si definisce un combattente e annuncia guerra senza quartiere a Renzi! Solo nel caso in cui Bersani dovesse vincere le primarie lascerà a lui la decisione di inserirlo nelle liste delle candidature o meno. E così Bersani, che non sta nel partito a pettinare i peli pubici delle femmine di Orango (come direbbe Crozza), preferisce tenersi sul groppone D’Alema per la sua bella fetta di elettori e mantenere un vantaggio sui suoi avversari alle primare del Pd. Ah D’Alema! E pensare che da giovane questo “Damien” prodigio riusciva a terrorizzare anche Berlinguer! In fondo un paio di cose di sinistra le ha fatte, ma le ha anche subitaneamente smentite! Da ragazzo lanciò qualche bottiglia incendiaria… chi non l’ha fatto? Solo che dopo si è giustificato dichiarando che era solo una partita a “Molotov Avvelenata” con quei mattacchioni di Ordine Nuovo… era per giocare; non sapevano come ammazzare il tempo alla fermata del bus! Alla fine degli anni novanta poteva esserci la svolta per Massimino… il caso Abdullah Öcalan! Il giovane governo D’Alema poteva concedere Asilo Politico al separatista Curdo… ma niente. Stava per prendere la decisione e subito qualcuno gli ha detto: “bravo Massimo, stai facendo qualcosa di sinistra!” Al ché D’Alema non ha retto, non c’è la fatta! La causa Curda era troppo di sinistra e tirò i remi in barca  – ora manda solo qualche cartolina nell' isola prigione di Imrali dove Öcalan è l’unico detenuto! La sinistra proprio non riesce a tenerla! Lo farei Console in Australia, così può guidare a destra e rilassarsi… e stare anche un po’ fuori dalle palle!